News

Sei qui: Homepage News

Casa da gioco di Saint-Vincent: si agisca per interesse della Valle d'Aosta, non per sudditanze politiche

I gruppi consiliari ALPE, Area civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée e Misto, nell'apprendere l'annuncio della possibile nomina a segretario particolare dell'Assessore alle finanze, Ego Perron, del sindacalista Claudio Albertinelli, già delegato del SAVT al Casinò, denunciano l'inopportunità di tale proposta.
«Governo e Sindacato hanno ruoli distinti - sottolineano i Consiglieri -, per cui vanno evitate commistioni, che potrebbero generare il sospetto che certe posizioni prese in passato, in particolar modo sulla questione della Casa da gioco di Saint Vincent, siano state dettate più da sudditanza politica che da un reale interesse di difesa dei lavoratori e dell'azienda.»
«Anche solo l'ipotesi di tale scelta appare grave dal punto di vista politico: fa temere che la delega al Casinò del Presidente Viérin sia priva di contenuto e solo di facciata. Invece di proseguire nella realizzazione del piano di ristrutturazione della Casinò spa, si ricostruiscono le condizioni che già alla fine dell'anno scorso avevano portato alla grave crisi della società, con la sventata iniezione senza condizioni di 48 milioni, contro gli interessi della Valle d'Aosta, dell'economia dei paesi circostanti e degli stessi dipendenti della Casa da gioco.»
I gruppi ALPE, Area civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée e Misto si chiedono dunque «se all'interno della maggioranza prevarranno le scelte sostenute a suo tempo anche dall'UVP o quelle, in completa antitesi, desiderate dall'UV», e annunciano che terranno alta l'attenzione su questo tema per mezzo dell'attività ispettiva e di controllo dell'operato del Governo regionale.

Una seduta a tempo di record: solo 108 minuti

Consiglio regionale nuova maggioranza e vecchie tensioni. 
Ostruzionismi, liti interne e scontri verbali. 
Giunta nuova, turbolenze no. Cambiata venerdi la maggioranza, il Consiglio Valle ieri si e ritrovato nel solito clima da «redde rationem», tra ostruzionismi reciproci, minoranza all'assalto della coalizione di governo e la stessa maggioranza - in particolare la quota unionista - alle prese con mal di pancia e tensioni interne fortissime. Il risultato e stata un'assemblea regionale flash, durata 108 minuti comprese le interruzioni: «II Consiglio Valle - ha commentato il capogruppo di Stella-Pnv Antonio Fosson - ha iniziato i lavori alle 9 e li ha terminati alle 10,48. Penso sia stato il più rapido di tutta la legislatura».
Una velocita' che si spiega da una parte, con un ordine del giorno ridotto all'osso (11 punti in tutto) e, dall'altra, con la decisione della maggioranza Uvp-Uv-Epav-Pd di non ammettere all'iscrizione dei lavori quattro ulteriori risoluzioni proposte dalla minoranza su traforo del Gran San Bernardo, mutui casa, iscrizione del Monte Bianco a patrimonio dell'umanita' Unesco e sul Fiscal compact. «Non rileviamo l'urgenza politica espressa dalle risoluzioni presentate in aula». L'opposizione non l'ha presa bene.

Rifiuti, primi passi per gli impianti a freddo

Appalto europeo. il progetto e di Rea Dalmine, la stessa del pirogassificatore
Rifiuti, nasce il sistema "a freddo"
Tra gli ultimi atti della giunta Marquis il via al modello di gestione che segnera' il futuro
Tra gli ultimi atti approvati dalla giunta Marquis c'e la prima pietra del nuovo modello di gestione dei rifiuti, nato dopo il referendum contro il pirogassificatore del novembre 2012. Proposto dall'ex assessore all'Ambiente Fabrizio Roscio, promotore del referendum, prevede l'approvazione di un progetto di fattibilita', proposto dalla Rea Dalmine spa e dalla Fratelli Ronc srl, che prevede un impianto di stabilizzazione dell'indifferenziato e un secondo di selezione del multimateriale leggero (plastica, alluminio, acciaio) oggi portato fuori Valle per la selezione dei materiali.

Leggi tutto Rifiuti, primi passi per gli impianti a freddo

Il Consiglio ha preso atto delle dimissioni del Presidente della Regione Pierluigi Marquis

In chiusura dei lavori della seduta straordinaria dell'11 ottobre 2017, il Consiglio regionale ha preso atto delle dimissioni del Consigliere Pierluigi Marquis dalla carica di Presidente della Regione.
Il Presidente dimissionario Pierluigi Marquis (AC-SA-PNV) ha preso la parola per evidenziare: «Le dimissioni che ho rassegnato ieri rappresentano il culmine di un percorso intrapreso il 4 ottobre scorso, quando è stata presentata e votata a maggioranza una risoluzione che chiedeva le dimissioni del Presidente della Regione. In quel momento, ho ritenuto doveroso non ottemperare alla richiesta, per senso di responsabilità, per garantire la governabilità da una fase ad un'altra, tanto dal punto di vista amministrativo tanto per quanto attiene le funzioni prefettizie. Sabato mattina abbiamo appreso della presentazione della mozione di sfiducia costruttiva; pertanto, tenuto conto che lunedì mattina abbiamo concluso i lavori della Giunta, il mio percorso in quanto Presidente della Regione è terminato. Un percorso iniziato il 10 marzo per il cambiamento, svolto in difficili condizioni, in un contesto in cui abbiamo potuto dare il nostro contributo per la Valle d'Aosta, in modo da farla uscire da tante difficoltà. Ieri mattina, inoltre, mi è stato notificato un provvedimento per cui mi sono stati prelevati computer e telefoni cellulari. Sono certo che queste azioni saranno utili a dimostrare la mia assoluta estraneità a quanto contestato. Ad oggi resto testimone inascoltato di fatti cui sono completamente estraneo. L'ipotesi investigativa contrasta con tutto ciò che io so. Io non ho fatto nulla, non ho difficoltà a giurarlo su quanto ho di più caro al mondo, la mia famiglia. Quanto accaduto per pura coincidenza temporale si può prestare peraltro a una facile lettura politica e questo mi dispiace. Una vicenda, questa, per la quale abbiamo subito auspicato chiarezza nel più breve tempo possibile; purtroppo al momento non è così. Purtroppo, non ha facilitato il compito della magistratura la sicurezza del palazzo regionale, di cui è emersa tutta la vulnerabilità. È un problema che il prossimo governo dovrà affrontare e su cui lavorare. Tenuto conto anche della situazione in cui sono coinvolto, ritengo doveroso ed etico rassegnare le mie dimissioni, anche per poter dimostrare al meglio la mia estraneità ai fatti che mi sono contestati.»

Solidarietà ai nostri amici

Esprimiamo vicinanza e solidarietà ai nostri amici per la triste vicenda politica e amministrativa che stanno vivendo.
Siamo convinti che la magistratura farà chiarezza dimostrando la loro estraneità ai fatti odierni.
Ringraziamo di cuore Pierluigi Marquis per il lavoro a servizio di tutta la Valle d'Aosta come Presidente della nostra Regione.

Coordinamento Regionale 9 ottobre 2017

Viaggio in Italia - La Valle d'Aosta

Il viaggiatore che, spesso per lavoro, percorre la Valle d’Aosta recandosi in Francia e anche in Svizzera attraverso i passi del Piccolo e Gran San Bernardo incontra nel bel mezzo della più piccola regione italiana la città che le dà il nome (altra particolarità), con le sue antiche vestigia romane e medioevali. Il resto è soprattutto lo scorrere rapido e maestoso dei grandi sempiterni massicci alpini, alcuni (per quanto ancora?) con le guglie perennemente innevate. Sì, perché il «marchio di fabbrica» di Augusta Praetoria (dal nome dell’imperatore romano che nel 25 a.C. la eresse a presidio fortificato contro le invasioni dai valichi montani), oggi Aosta, rispetto pure alla maggioranza degli altri centri alpini italiani, è da sempre costituito dallo straordinario contrasto paesaggistico tra il bianco delle nevi in alto all’orizzonte e il verde dei prati e dei boschi.

Leggi tutto Viaggio in Italia - La Valle d'Aosta

Segreteria Politica del 2 ottobre 2017

La Segreteria politica di Stella Alpina si è riunita nella serata di ieri per analizzare la situazione politico/amministrativa in ambito regionale.
Abbiamo riaffermato la validità della proposta di governo attuale varata il 10 marzo e espresso apprezzamento per i risultati ottenuti in poco più di 6 mesi di governo.
I temi trattati sono stati numerosi e delicati, alcuni risolti e altri in via di definizione.
E' assolutamente fisiologico che in un contesto complesso che si avvicina alla fine della legislatura, l'azione amministrativa risenta delle legittime dinamiche di carattere più politico tese a prefigurare gli scenari politici futuri sia nazionali che regionali.
In considerazione del difficile contesto socio/economico che caratterizza l'attuale momento storico della nostra Valle e anche in considerazione della definizione dei rapporti di natura finanziaria Stato/Regione, concomitanti con la predisposizione del Bilancio Regionale 2018/2020, si ritiene che l'azione amministrativa debba avere come unica piorità quella di garantirne l'approvazione.

Leggi tutto Segreteria Politica del 2 ottobre 2017

Situazione finanziaria: il Governo regionale sta lavorando alla ricostruzione delle relazioni con lo Stato

«Lo stupore dei gruppi consiliari di minoranza avrebbe dovuto arrivare tempo fa, quando mancava una solida presenza negoziale a Roma e anche in occasione del mancato accordo a fine febbraio 2017 con lo Stato, che ha prodotto poi il Decreto che ci sottrae 144 milioni di euro»: lo dichiarano i Consiglieri del gruppo Area civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée a seguito dell'audizione del Presidente della Regione, Pierluigi Marquis, e dell’Assessore alla finanze, Albert Chatrian, tenutasi nella mattinata di oggi, lunedì 2 ottobre 2017, in seconda Commissione consiliare.

«Il Governo regionale nato il 10 marzo scorso ha ereditato una situazione di rapporti deboli e frammentati con lo Stato nonché un mancato negoziato di primavera - evidenzia il gruppo AC-SA-PNV -: ha quindi cercato di porvi rimedio con un ricorso alla Corte costituzionale e con un lavoro di ricostruzione di relazioni con lo Stato che ci auguriamo sia sostenuto anche dai gruppi di minoranza nell’interesse della Valle d’Aosta e della fase attuale di preparazione della legge di bilancio.»

Principali provvedimenti della Giunta regionale

PRESIDENZA DELLA REGIONE
La Giunta regionale ha approvato la stipula di una Convenzione, tra la Regione autonoma Valle d’Aosta e l’Università della Valle d’Aosta – Université de la Vallée d’Aoste, per lo svolgimento, presso le strutture dell’Amministrazione regionale, entro i limiti delle possibilità di tutoraggio e accoglienza da valutarsi volta per volta, di tirocini curricolari di durata compresa tra i due e i sei mesi.

L’Esecutivo ha deliberato l'organizzazione dell’Assemblea annuale del personale volontario del Corpo valdostano dei vigili del fuoco che si terrà il 5 novembre 2017 nel Comune di Valtournenche, per una spesa complessiva presunta di 5 mila euro.

In osservanza dell’ordine del giorno n. 16, approvato all’unanimità dal Consiglio regionale nella seduta del 14 dicembre 2016, relativa alle iniziative utili a migliorare le condizioni di mobilità e accessibilità, anche in riferimento alle tariffe autostradali, e a seguito degli esiti delle interlocuzioni svolte con l’Amministrazione centrale, il Governo regionale ha dato mandato a Finaosta di esaminare le soluzioni relative all’eventuale acquisizione da parte della Regione delle azioni della società autostradale RAV S.p.A. detenute dalla Società Italiana per il Traforo del Monte Bianco.

Leggi tutto Principali provvedimenti della Giunta regionale

STELLA ALPINA

Movimento politico, autonomista e federalista, la "Stella Alpina" ha per finalità la tutela e il rafforzamento dell’Autonomia speciale valdostana, nel contesto di uno Stato Italiano unitario e federale, nella prospettiva di una vera Europa dei popoli.

AGENDA

OTTOBRE

mercoledi' 11
ore 9.00 - Consiglio regionale

Adesioni alla Stella Alpina

L'adesione alla "Stella Alpina" avviene con una sottoscrizione di impegno a rispettare i contenuti dello Statuto.

Le domande di prima adesione devono essere presentate alla Sezione del Comune di residenza o di domicilio oppure presso la sede del Movimento - Via Monte Pasubio, 40 - Aosta.

Leggi tutto

Newsletter

CONTATTI

Movimento Politico Stella Alpina

  • Via Monte Pasubio, 40 11100 Aosta
  • Tel: 0165 32200
  • Fax: 0165 525355
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il deputato On. Rudi Marguerettaz riceve presso la sede della Stella Alpina su appuntamento

Sei qui: Home News

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo