News dai comuni

Sei qui: Homepage News dai comuni

A gennaio verrà assegnato l’appalto per la sicurezza della zona. Quasi 2 milioni per salvare Rovineti

GABY - Ci sarà un seguito per i lavori di messa in sicurezza di Gaby Desor. La giunta comunale, per fronteggiare i fenomeni franosi che minacciavano la zona e il circondario, aveva avviato l'istruttoria per l'affidamento di un incarico professionale volto all’acquisizione di un progetto delle opere necessarie. Ora, arriva anche il via libera da parte della Regione, per lavori che riguarderanno il versante di Rovineti. 

Ma andiamo con ordine. In quella zona, tempo fa, si era verificato un distacco di neve che aveva ostruito la galleria, di fatto isolando Gressoney dal resto della vallata. Ancora oggi il vallone scarica neve, ma le opere effettuate a seguito di quel fenomeno, hanno permesso al paravalanghe di assolvere al compito. Il tutto ha inizio con l’autunno del 2000, quando la terribile alluvione ha smosso intere zone di montagna, tanto che il 2 novembre del 2004, quando il progetto era ormai in fase di ultimazione si verificò una caduta di massi che sfiorarò le abitazioni. Uno di questi, di enormi proporzioni, si adagiò in un prato a lato della regionale, alcuni frammenti schizzarono oltre la strada per finire in riva al Lys. I primi lavori, barriere paramassi e reti, sono stai completati all’inizio del 2005, poi si è aggiunta la necessità di intervenire su un fronte che, oltre a Gaby Desor, comprendesse anche Gattinery e dintorni. Due valli, completi di pista di servizio, e, dove sia necessario, una scogliera in pietrame e malta, e file di reti, con valli paramassi realizzati ad armature in materiale metallico, per l’involucro esterno, e plastico ad alta densità al suo interno con capacità di trattenere materiale di pietra sino a livelli molto alti di impatto. Nelle pareti dove non è possibile realizzare il vallo, saranno inserite reti paramassi ad alta capacità.
La Giunta Regionale ha espresso parere favorevole, ma a condizione che esista una compatibilità ambientale. Infatti, completate le opere di difesa il versante verrà interessato da un riporto di terreno vegetale ricavato dagli scavi, per favorire l’attecchimento di piante per il rimboschimento. Il  versante di Rovineti è stato oggetto di un massiccio rimboschimento durante gli anni ‘50, ma a distanza di anni, il continuo diradamento del bosco e i continui fenomeni franosi hanno prodotto ferite nella stabilità. Si interverà con barriere nastriformi, a cui far seguire un rinfoltimento boschivo. Il materiale che deriverà dagli scavi sarà interamente utilizzato per la realizzazione dei muri e delle piste di servizio, ragione per cui non sarà necessario conferire nulla in discarica. Nella relazione tecnica si evidenzia che saranno necessari 450 giorni consecutivi, tenendo in considerazione che per almeno 90 (quelli invernali) non sarà possibile lavorare per le condizioni climatiche. L'ammontare dell'importo dei lavori da appaltare (apertura delle buste a ribasso il 23 gennaio) è di euro 1 milione 635 mila euro con progettazione e imprevisti che fanno lievitare il tutto a 2 milioni 174 mila euro.

Fonte: Gazzetta Matin - Franco Ormea

 

Rinnovati gli impianti pubblicitari di Aosta. Criticati i pannelli: «Sembrano un gasdotto».

AOSTA (zgn) Aosta vede finalmente posizionati i nuovi impianti pubblicitari, così come sono stati pensati, frutto di una precisa strategia di Comunicazione, dal Piano Generale degli Impianti approvato nel 2009. Un intervento che però non a tutti è piaciuto. Nel mirino delle critiche - in alcune lettere inviate ai giornali - sono soprattutto i pannelli bifacciali verdi, specialmente nella zona del ponte sul Buthier: «Sembra che segnalino un gasdotto..». Osservazioni respinte dall’assessore comunale ai Servizi finanziari Mauro Baccega.
«Si tratta di un piano importante di riordino e restyling degli impianti - spiega l’assessore Baccega - che consentirà una migliore fruizione e visibilità di pubblicità e comunicazione, nella logica di favorire le aziende che vogliono investire e "farsi vedere” e un moyen perché le casse comunali godano di maggiori entrate, un piano di eccellenza che si concretizza dopo anni di lavoro svolto su diversi piani e che finalmente oggi giunge alla fine».
Quindi l’assessore Mauro Baccega precisa che si tratta di «un percorso iniziato già nella scorsa legislatura. Il Consiglio comunale, con l’approvazione del nuovo Piano Generale degli Impianti avvenuta nel marzo del 2009, aveva appunto previsto, nell’ambito di una nuova strategia globale di implementare degli impianti pubblicitari, di attribuire a soggetti privati la facoltà di fornire, porre in opera, mantenere e gestire impianti per l’effettuazione di affissione diretta di natura commerciale, individuando a tal fine nuove tipologie di impianti da posizionarsi sul territorio comunale, più accattivanti dal punto di vista comunicazionale e più versatili».
Al fine di individuare un soggetto privato interessato alla gestione, l’Amministrazione comunale ha proceduto alla pubblicazione di tre bandi di gara ad evidenza pubblica, rispettivamente il 4 settembre 2009, il 31 dicembre 2009 e il 14 giugno 2010.
Tutte e tre le gare sono andate deserte. Si è allora proceduto all’attivazione di una procedura negoziata, avviata a metà febbraio 2011, che ha visto la presentazione di un’unica offerta; riferita esclusivamente agli impianti facenti parte del secondo lotto, presentata dal raggruppamento temporaneo di imprese che fa capo alla Società Babele Communication Srl di Aosta e che coinvolge Ecosinergie Srl e MB Impianti. Il primo lotto, che prevedeva la posa di tre schermi a tecnologia led e di cinque pannelli a messaggio variabile non ha avuto offerte «forse a causa del costo importante di queste tipologie di impianti - precisa l'assessore Baccega - pur decisamente innovativi dal punto di vista tecnologico».
Gli impianti oggetto dell’offerta presentata dalla ditta Babele, le cui operazioni di posizionamento sono in corso di completamento, sono i seguenti: cinque totem bifacciali; otto percorsi di palme bifacciali composti, ognuno, da un minimo di sei ad un massimo di quindici paline; otto impianti di esposizione di locandine (ex cinematografici); due pannelli luminosi collocati all’interno dei due parcheggi interrati Comunali; ventisette pannelli collocati su altrettante pensiline di fermate di autobus.
«Dopo il collaudo, verosimilmente all'inizio del nuovo anno, gli spazi potranno essere concessi ai privati, aziende ed enti - conclude l’assessore Mauro Baccega - L’aggiudicatario del servizio dovrà riconoscere al Comune una percentuale sul fatturato annuo pari al ventuno percento oltre che un importo minimo garantito pari a venticinquemila euro all’anno».
Fonte: La Vallée Notizie

Ambiente: Delio Donzel; chiesto a Usl parere scientifico su aria Aosta

“A fronte dei dati forniti dall’arpa con il nuovo sistema di campionamento e che hanno dimostrato un aggravamento della situazione il Comune di Aosta ha richiesto nuovamente all’Usl quali eventuali provvedimenti debbano essere presi”. Lo ha detto oggi l’assessore alla’Ambiente, Delio Donzel, nel corso dei lavori dell’Osservatorio comunale sulla qualità dell’aria.

Leggi tutto Ambiente: Delio Donzel; chiesto a Usl parere scientifico su aria Aosta

STELLA ALPINA

Movimento politico, autonomista e federalista, la "Stella Alpina" ha per finalità la tutela e il rafforzamento dell’Autonomia speciale valdostana, nel contesto di uno Stato Italiano unitario e federale, nella prospettiva di una vera Europa dei popoli.

AGENDA

NOVEMBRE

mercoledi' 22
ore 9.00 - consiglio regionale
ore 9.00 - consiglio comunale

giovedi' 23
ore 9.00 - consiglio regionale
ore 9.00 - consiglio comunale

Adesioni alla Stella Alpina

L'adesione alla "Stella Alpina" avviene con una sottoscrizione di impegno a rispettare i contenuti dello Statuto.

Le domande di prima adesione devono essere presentate alla Sezione del Comune di residenza o di domicilio oppure presso la sede del Movimento - Via Monte Pasubio, 40 - Aosta.

Leggi tutto

Newsletter

CONTATTI

Movimento Politico Stella Alpina

  • Via Monte Pasubio, 40 11100 Aosta
  • Tel: 0165 32200
  • Fax: 0165 32200
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il deputato On. Rudi Marguerettaz riceve presso la sede della Stella Alpina su appuntamento

Sei qui: Home News dai comuni

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo