News regionali

Sei qui: Homepage News regionali

Bandito il 4° Premio ‘Aziende Family Friendly’

Il Forum Nazionale delle Associazioni Familiari intende valorizzare le best-practices messe in atto dalle aziende per armonizzare le attività lavorative con le esigenze della vita familiare.

Far emergere e valorizzare le aziende pubbliche e private e le associazioni No-Profit attente a queste tematiche che hanno, tra le altre cose, compreso che l’introduzione nelle loro organizzazioni di un atteggiamento “Family-Friendly” produce, oltre ad un ambiente più disteso, anche un aumento della produttività.

Per tale motivo è stato istituito il 4° premio “Aziende Family Friendly”, nato dal Forum Lazio e nelle passate edizioni rivolto al territorio laziale, ora esteso a tutto il territorio nazionale. Il Forum della Valle d’Aosta, coinvolto a pieno titolo in questa iniziativa, con questo comunicato intende sensibilizzare tutte le aziende del territorio che ritengono di essere attente alle tematiche sopra evidenziate.

In particolare, gli ambiti di oggetto del bando saranno:

- Organizzazione del Lavoro e dell'Orario di lavoro;

- Organizzazione dei Processi di lavoro;

- Organizzazione dei Luoghi di lavoro;

- Gestione del personale per la Maternità e la Paternità;

- Gestione dei Servizi;

- Gestione dei Benefit aziendali;

- Preparazione specifica del Management.

La documentazione per la partecipazione a questa iniziativa è disponibile sul sito www.ForumFamiglieLazio.it.

Il Forum Valle d'Aosta è a disposizione delle imprese e delle organizzazioni presenti sul territorio regionale che intendono candidarsi, ai seguenti recapiti: 3498019811 e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Si rammenta che la candidatura deve essere fatta entro le 23,59 del 30 luglio 2018, e che successivamente le aziende avranno tempo fino al 20 settembre 2018 per presentare la scheda di partecipazione per evidenziare le politiche strutturali introdotte su tale tema nella loro organizzazione, e tutto il materiale a sostegno della loro partecipazione al premio.

La premiazione si svolgerà a Roma il 9 ottobre 2018 ed avrà ampia visibilità mediatica.

Sollecitare ed incrementare cambiamenti culturali che favoriranno la qualità di vita delle Famiglie permetteranno alle stesse di essere ciò per cui sono state create: “…fondamento della convivenza e rimedio contro lo sfaldamento sociale…” (Papa Francesco).

Charvensod: Con l’avanzo di amministrazione si riqualificherà una parte del centro storico

Il Consiglio Comunale di Charvensod, nella seduta del 14 giugno ha approvato la seconda variazione al Bilancio di previsione 2018/20: si tratta di una variazione in parte tecnica e in parte dovuta alla concessione degli spazi finanziari che permettono l’utilizzo di una parte dell’avanzo di amministrazione. La possibilità di impiegare l’avanzo di amministrazione permette di inserire a bilancio 782mila euro per la riqualificazione del centro storico del Bourneau al Capoluogo, un importante intervento volto al rifacimento dei sottoservizi e al miglioramento della viabilità.

Il progetto esecutivo, ha spiegato il sindaco Ronny Borbey, sarà quindi inviato alla Stazione unica appaltante (Sua) per l’espletamento della gara d’appalto. Altri 35 mila euro provenienti dall’avanzo di amministrazione saranno impiegati per interventi sul patrimonio comunale. Variazioni di minore importante riguardano: 2.500 euro per la manutenzione ordinaria delle scuole del capoluogo e 39mila euro (da trasferimento statale) per la riqualificazione energetica della scuola dell’infanzia di Plan-Félinaz. Inoltre, saranno destinati 4.600 euro per la promozione turistica del territorio.

La variazione riguarda anche l’eliminazione della voce dedicata all’intervento atto a limitare il rischio idrogeologico sul territorio: il Comune aveva presentato una richiesta di finanziamento statale (1 milione 300 mila) che, pur essendo stata approvata, si trova in una posizione bassa della graduatoria e non sarà presumibilmente finanziata. I lavori sono proseguiti con l’approvazione del Regolamento di istituzione del registro comunale delle disposizioni anticipate di trattamento (Dat).

Il sindaco, Ronny Borbey, ha poi informato il Consiglio del fatto che, 28 maggio, è stato rinnovato il direttivo della Pro loco. Paola Quaranta è stata eletta presidente.

Charvensod: La Consulta dei Giovani incalza il Consiglio comunale

Il Consiglio comunale di Charvensod ha incontrato la Consulta dei giovani, formata dalle classi IV e V delle scuole primarie del Capoluogo e di Plan-Félinaz

“Vi chiedo di pensare, osservando l’ambito operativo, anche quale tipologia di associazione vi piacerebbe avvicinare. È importante che anche i giovani siano attivi nel mondo dell’associazionismo, al fine di garantire il ricambio generazionale”. Il sindaco di Charvensod, Ronny Borbey, si è rivolto così alla Consulta dei Giovani che ha incontrato con il Consiglio comunale.

Gli alunni delle classi di Charvensod capoluogo, hanno infatti chiesto la diffusione di un dvd dedicato all’associazionismo del Comune, gli alunni hanno proposto la creazione di un orto didattico nell’area verde della scuola.

I lavori sono proseguiti con l’intervento degli alunni della scuola primaria di Plan-Félinaz, i quali hanno presentato un progetto dedicato al potenziamento dell’informazione sulla raccolta differenziata. I giovani consiglieri hanno pensato a un sistema di cartelli, in grado di “sensibilizzare i più grandi” all’esercizio virtuoso della raccolta differenziata.

Il primo cittadino ha comunicato che i cartelli, blu per gli obblighi e bianchi (circondati dal rosso) per i divieti, saranno posizionati nelle isole ecologiche comunali “nella speranza che il linguaggio dei bambini risulti più chiaro rispetto a quello adottato finora dalle istituzioni”.

I bambini, infatti, hanno documentato con fotografie la scarsa sensibilità dimostrata dalla popolazione nella gestione dei rifiuti. Soddisfatto dell’incontro, il sindaco ha ricordato che, all’inizio del prossimo anno scolastico, sarà organizzata un nuovo incontro con la Consulta dei giovani, cui saranno invitati anche gli studenti passati alle scuole medie.

In chiusura, le insegnanti hanno proposto un concorso di idee tra gli alunni, per la creazione del logo ufficiale della Consulta dei giovani.

Segreteria regionale 11 maggio 2018

Lunedì 11 maggio si è svolto un incontro con la Segreteria Regionale e con i candidati per condividere con la Lista e il Territorio la sintesi del primo giro di incontri con tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale.

#PerTuttiVdA

VOTA E FAI VOTARE LISTA N. 1 - SI PUO' FARE!

Ieri abbiamo concluso i nostri incontri sul territorio; per far diventare fatti le parole dette e realtà i progetti e le idee di cui vi abbiamo parlato, domenica dateci il vostro sostegno perché #sipuòfare! #Lista1 #areacivicastellaalpinapournotrevallee

Ieri la nostra lista ha incontrato gli amici di Sarre

Luca Spadaccino ha ricordato come la nostra lista sia espressione del territorio, come lo conosca e lo possa quindi amministrare.

Vera Verducci ha spiegato le potenzialità che offre il nostro Statuto per lo sviluppo della Valle.

Elena Landi ha parlato dell’importanza di una giusta politica turistica e dei fondi europei da utilizzare maggiormente.

Daniela Lale Demoz ha illustrato l’importanza della sinergia tra pubblico, associazioni e privati per un welfare efficiente.

Franco Allera ha spiegato come alcune località valdostane debbano essere il motore dello sviluppo con ricadute positive su tutte le altre.

Walter Zampa ha spiegato come la nostra lista faccia della progettualità uno dei suoi pilastri.

Annita Prezzavento ha spiegato come la nostra sanità possa tornare alle eccellenze di un tempo.

Antonio Di Blasi ha illustrato le potenzialità che possono scaturire dalla collaborazione tra aziende e scuola.

Michela Colombarini ha ricordato come la valorizzazione della famiglia sia un investimento per il futuro.

Maurizio Castiglioni ha fatto presente come la nostra lista si fondi su valori e principi fondamentali.

Claudio Restano ha evidenziato le risposte date nei mesi di governo e di come le nostre proposte siano concrete, reali e fattibili.

#allons-y!

Attenzione e partecipazione ieri sera a Courmayeur, abbiamo parlato principalmente di autostrada, trasporti e turismo

Andrea Tabanelli ha spiegato la concreta possibilità da parte della Regione di acquisizione delle quote, in mano ai privati, della RAV; l’operazione è a costo zero per il bilancio regionale in quanto si possono utilizzare gli utili della società, una società interamente pubblica permetterebbe una riduzione delle tariffe grazie al prolungamento della connessione da parte del Ministero.

Fabio Gradi ha parlato del ruolo dei giovani nella politica e di come il programma della lista contenga misure per loro.

Daniela Lale Demoz ha illustrato come una corretta politica dei trasporti debba partire da un’attenta analisi del nostro territorio.

Franco Allera ha spiegato come il turismo della Valle debba essere trainato da alcuni poli turistici per portare sviluppo a tutta la Valle.

Nello Notari ha ricordato come la politica dei trasporti debba tenere conto degli studenti e dei loro spostamenti.

Stefano Borrello ha ribadito che la nostra lista è espressione del territorio e intende lavorare con tutti i soggetti espressione delle nostre realtà.

#allons-y!

Mobilità sostenibile: l'ennesima presa in giro

«L'ennesima presa in giro del Governo regionale.» È il commento dei gruppi consiliari ALPE, Area Civica-Stella Alpina-Pour Notre Vallée, Movimento 5 Stelle e Coalition Citoyenne-Mouv al termine della riunione della seconda Commissione "Affari generali", riunita oggi, lunedì 12 febbraio 2018, per audire il Presidente della Regione in merito alla compatibilità finanziaria della proposta di legge sulle misure regionali per lo sviluppo della mobilità sostenibile sul territorio.
«Oggi ci siamo sentiti dire dal Presidente Viérin che non vi è la copertura finanziaria per sostenere la nostra proposta di legge - precisano i Consiglieri dei gruppi di opposizione -, mentre in occasione della discussione in Consiglio di una nostra mozione che impegnava la Giunta a presentare un disegno di legge in materia di mobilità sostenibile, l'Assessore Guichardaz aveva garantito che il tema era una priorità e che i relativi finanziamenti erano stati individuati nel bilancio dell'Assessorato. La domanda è quindi lecita: questo bilancio esiste o è solo uno specchietto per le allodole fino alle prossime elezioni regionali? Su questi temi, come su tutti gli altri, ci vorrebbe maggiore serietà e coerenza. Altrimenti è soltanto l'ennesimo annuncio che non si traduce nei fatti.»

Casa, rivoluzione dei mutui regionali: arriva il via libera dalla Commissione

Lunedì è ora atteso il varo definitivo da parte della Giunta regionale. Salvo intoppi le nuove disposizioni, messe in campo per rilanciare il settore edilizio, entreranno in vigore il 1° novembre.
La riforma dei mutui prima casa è al giro di boa. Questa mattina è arrivato il via libera, all’unanimità, della ricostituita III Commissione consiliare, guidata da Luca Bianchi mentre lunedì è atteso il varo definitivo da parte della Giunta regionale. Salvo intoppi le nuove disposizioni, messe in campo per rilanciare il settore edilizio, entreranno in vigore il 1° novembre.
Presentata dal Governo Marquis nei mesi scorsi la delibera introduce importanti modifiche sui mutui concessi ad interesse agevolato da Finaosta per interventi nel settore dell'edilizia residenziale, finalizzati all'acquisto, alla costruzione e al recupero, con eventuale ampliamento, di immobili da adibire a prima abitazione del richiedente e del suo nucleo familiare e sui mutui per interventi di recupero edilizio privato sugli immobili destinati ad abitazione, anche non principale.
Per la prima categoria di mutui si sale ad un importo massimo di 180mila euro, oggi è 100mila per le coppie e 70mila per i single. In caso di recupero edilizio i mutui possono essere concessi in misura pari al 100% della spesa ammissibile, per un importo minimo di lavori pari a 20.000 euro e con un massimo di 300.000 euro. Nella spesa massima concedibile è possibile il riconoscimento di una quota di acquisto dell’immobile oggetto di intervento, non superiore a 150.000 euro. Tale possibilità è subordinata ad una spesa minima di recupero pari a 30.000 euro.
Altra novità riguarda i tassi di interesse da applicare ai mutui: 0,80% per valori di Isee fino a euro 20.000 euro e 1% per valori di Isee superiori a 20.000 euro. Per il recupero di altre abitazioni il tasso è dell’l % senza limiti di Isee. L'Assessore regionale alle Opere pubbliche, Mauro Baccega, ha annunciato oggi fra gli emendamenti un ulteriore abbassamento dei tassi dello 0,10% che andrà ora approvato in Giunta. Altra novità annunciata riguarda un emendamento per favorire le imprese locali nei casi di mutui per interventi di recupero edilizio privato. Sembra destinata a sparire invece la perizia asseverata in capo ai richiedenti il mutuo.
“L’Assessore Baccega non ha colto la portata rivoluzionaria del deliberato del 11 settembre laddove si dichiarava guerra alla burocrazia portando i tempi di espletamento delle pratiche a 2/3 mesi contro i 6/9 da lui previsti oggi” sottolinea l'ex Presidente della Regione, Pierluigi Marquis. Critiche arrivano anche da Roberto Cognetta del M5S che parla di “spot elettorale” e spiega come la delibera ha “numerose lacune e non agevolerà le imprese edili locali.” Per l'ex Assessore Borrello "le audizioni chieste e poi non effettuate da Baccega avevano un chiaro intento ostruzionistico".
I mutui saranno garantiti da ipoteca di primo grado iscritta sull’immobile oggetto dell’intervento, fatta salva diversa valutazione da parte di Finaosta.
Per quanto riguarda le risorse disponibili per i mutui Finaosta sarà la Giunta a deliberarle annualmente, nei limiti delle disponibilità del fondo di rotazione.
Le nuove disposizioni saranno valide per atti di compravendita o compromessi stipulati fra il 1° novembre 2017 e fino al 31 dicembre 2019.

Nell'assemblea di Confartigianato a tenere banco sono le nuove misure sui mutui regionali

Il presidente della Giunta regionale e l'assessore alle Opere pubbliche Stefano Borrello hanno discusso ieri sera con l'associazione le nuove misure su appalti e mutui regionali. Zappaterra: "Giusto consentire più spazio alle imprese valdostane".
Sono circa 2400 i posti di lavoro persi in Valle d'Aosta nel comparto dell'edilizia negli ultimi dieci anni: “Ed è proprio a causa di questi numeri drastici che abbiamo deciso di intervenire”, ha commentato ieri sera Stefano Borrello, assessore regionale alle Opere Pubbliche, di fronte alla platea dell'assemblea generale annuale di Confartigianato Valle d'Aosta.
Il presidente dell'associazione dei piccoli imprenditori, Aldo Zappaterra, ha espresso soddisfazione: “Siamo riusciti ad individuare norme precise e procedure d'appalto concordate per tutelare le nostre aziende, un modo per consentire alle imprese valdostane di avere maggior spazio”.
Zappaterra si riferisce all'emendamento, varato dalla Giunta Marquis, dopo i confronti e le richieste delle associazioni di categoria, degli ordini dei professionisti e dei sindacati, nel maggio scorso. Norme che prevedono, ad esempio, la divisione in piccoli lotti dei 170 lavori previsti nel piano triennale dei lavori pubblici della Regione, per favorire la partecipazione delle imprese locali.
Altre novità riguardavano le modalità di gestione delle procedure di affidamento e esecuzione di contratti pubblici di importo inferiore a 516 mila euro per i lavori e a 100 mila per i serviti tecnici di architetti e ingegneri. In quest'ambito, la Stazione unica appaltante regionale è stata orientata ad adottare criteri di selezione delle imprese che privilegiassero le valdostane: ad esempio assumendo come riferimento la sede dell’unità operativa delle imprese rispetto al luogo di esecuzione dei lavori.
L'altra misura in ballo, sarà oggetto di discussione nei prossimi giorni da parte della Terza commissione, e riguarda la rivoluzione sulle modalità di accesso ai mutui regionali sulla prima casa e la ristrutturazione: alzando l'importo massimo che può essere concesso, abbassando i tassi di interesse e aprendo la misura a tutti, senza più limiti di reddito.
“Vogliamo togliere il tetto dei valori isee per accedere a questi prestiti perché non vogliamo mettere vincoli a chi investe sul territorio – sostiene Borrello – privilegiare i proprietari di casa non è uno scandalo perché non bisogna combattere la ricchezza, ma la povertà”.
Se per decenni il comparto edile valdostano è stato, a dir poco, spinto dall'iniziativa di opere pubbliche e agevolazioni regionali, tanto da farlo pesare per numero di occupati e apporto di valore aggiunto il doppio rispetto alla media nazionale, la crisi del 2007 e i tagli dello Stato alle finanze regionali hanno messo in grave sofferenza il settore, che ha trascinato nel suo destino anche molti professionisti.
La soluzione della Giunta Marquis sarebbe dunque quella di provare e rimettere benzina nello stesso sistema, spostando leggermente di più l'attenzione sull'edilizia privata: “Vediamo grandi margini di intervento – sostiene il presidente della Giunta, anche lui presente all'assemblea – ci sono tanti centri storici che possono essere recuperati e molte possibilità nel turismo”.

di Lorenzo Piccinno

 

STELLA ALPINA

Movimento politico, autonomista e federalista, la "Stella Alpina" ha per finalità la tutela e il rafforzamento dell’Autonomia speciale valdostana, nel contesto di uno Stato Italiano unitario e federale, nella prospettiva di una vera Europa dei popoli.

AGENDA

LUGLIO

Mercoledì 25
ore 9.00 - Consiglio regionale

Giovedì 26
ore 9.00 - Consiglio regionale

Adesioni alla Stella Alpina

L'adesione alla "Stella Alpina" avviene con una sottoscrizione di impegno a rispettare i contenuti dello Statuto.

Le domande di prima adesione devono essere presentate alla Sezione del Comune di residenza o di domicilio oppure presso la sede del Movimento - Via Monte Pasubio, 40 - Aosta.

Leggi tutto

Newsletter

CONTATTI

Movimento Politico Stella Alpina

  • Via Monte Pasubio, 40 11100 Aosta
  • Tel: 0165 32200
  • Fax: 0165 32200
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sei qui: Home News regionali

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo