News regionali

Sei qui: Homepage News regionali Videosorveglianza più facile per i locali pubblici

Videosorveglianza più facile per i locali pubblici

Ridotti gli impegni autorizzativi per Comuni e professionisti. Promossa un’importante collaborazione tra gli uffici del SUEL e l’Assessorato Opere pubbliche.

“Si tratta di un risultato importante e che è frutto della collaborazione tra gli uffici della regione e dello Sportello unico, con l’apporto importante dei professionisti. Come enti locali ringraziamo per la sensibilità dimostrata l’Amministrazione regionale”, Jean Barocco, responsabile politico sello Sportello Unico Enti Locali (Suel), commenta la nota esplicativa della Regione circa l’applicazione della disciplina delle attività di vigilanza su opere e costruzioni in zone sismiche.

Il documento dell’Assessorato regionale opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica, trasmesso allo Sportello unico degli enti locali, evidenzia come l’attività di videosorveglianza del territorio non rientra tra quelle classificabili come “strategiche” per la gestione dell’emergenza sismica, e dunque le relative infrastrutture non rientrano tra quelle previste all’art. 9 della legge regionale n. 23 del 2012 (“Edifici di interesse strategico”). Le Amministrazioni comunali, i tecnici e i professionisti incaricati possono dunque omettere la denuncia e il deposito delle strutture necessarie alla realizzazione della videosorveglianza, nel caso specifico laddove i pali o i tralicci di sostegno degli apparati presentino un’altezza minore o uguale a 10 metri, ferme restando le disposizioni previste dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1090 del 2014. Tutto questo favorirà l’installazione di sistemi di video sorveglianza e così i cittadini potranno essere più tranquilli. “Dopo le istanze facilitate per le autorizzazioni dei dehors e in attesa delle prossime semplificazioni relative alla segnaletica pubblicitaria – sottolinea Barocco - la riduzione degli oneri autorizzativi per gli impianti di videosorveglianza rappresenta un ulteriore passo concreto che il SUEL fa per semplificare impegni e processi in capo agli enti locali, alle imprese e ai professionisti”.

STELLA ALPINA

Movimento politico, autonomista e federalista, la "Stella Alpina" ha per finalità la tutela e il rafforzamento dell’Autonomia speciale valdostana, nel contesto di uno Stato Italiano unitario e federale, nella prospettiva di una vera Europa dei popoli.

AGENDA

DICEMBRE

martedi' 5
ore 9.00 - consiglio regionale

mercoledi' 6
ore 9.00 - consiglio regionale

Adesioni alla Stella Alpina

L'adesione alla "Stella Alpina" avviene con una sottoscrizione di impegno a rispettare i contenuti dello Statuto.

Le domande di prima adesione devono essere presentate alla Sezione del Comune di residenza o di domicilio oppure presso la sede del Movimento - Via Monte Pasubio, 40 - Aosta.

Leggi tutto

Newsletter

CONTATTI

Movimento Politico Stella Alpina

  • Via Monte Pasubio, 40 11100 Aosta
  • Tel: 0165 32200
  • Fax: 0165 32200
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il deputato On. Rudi Marguerettaz riceve presso la sede della Stella Alpina su appuntamento

Sei qui: Home News regionali Videosorveglianza più facile per i locali pubblici

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo