News regionali

Sei qui: Homepage News regionali I principali provvedimenti della Giunta regionale - 21 dicembre 2018

I principali provvedimenti della Giunta regionale - 21 dicembre 2018

PRESIDENZA DELLA REGIONE
La Giunta regionale, ai sensi della legge regionale 11/1997, ha designato Giacomo Biancardi, in qualità di componente del Collegio dei revisori dei conti dell’Associazione valdostana maestri di sci, per un quadriennio.
Il Governo della Regione ha approvato la revisione dei criteri e dei requisiti per la chiamata in servizio temporaneo di personale volontario del Corpo valdostano dei Vigili del fuoco, ai sensi della legge regionale 37/2009, con il contestuale annullamento delle precedenti delibere 124/2018 e 348/2018.
Il personale richiamato in servizio potrà essere assegnato alla Scuola Regionale Antincendi, all’Ufficio volontari o utilizzato per attività di soccorso tecnico urgente, fino al limite massimo previsto di centosessanta giorni all’anno. L’Esecutivo ha contestualmente aumentato la durata di validità della graduatoria da uno a tre anni.

AFFARI EUROPEI, POLITICHE DEL LAVORO, INCLUSIONE SOCIALE E TRASPORTI
La Giunta regionale ha approvato il modello di Governance, a livello regionale, della programmazione delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014/20 (FSC).
Il documento individua un modello di governance, a livello regionale, della programmazione delle risorse del FSC per l’attuale periodo di programmazione 2014/20, tenuto conto delle novità normative introdotte a livello nazionale, che hanno apportato una sostanziale revisione della governance, rispetto ai precedenti cicli di programmazione FSC 2000/2006 e 2007/13.
La finalità è quella di sostenere l’impiego delle risorse per interventi prioritari per lo sviluppo regionale e contribuire alla corretta attuazione della programmazione del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014/20.
La deliberazione consentirà un miglior coordinamento sia in fase di programmazione che di attuazione degli interventi, a beneficio sia del livello politico, che potrà avere un quadro di insieme delle risorse FSC assegnate e dei progetti avviati, sia dei soggetti e delle strutture regionali coinvolti nella realizzazione.
L’Esecutivo ha quindi approvato, nell’ambito della Politica regionale di sviluppo 2014/20, il documento Strategia nazionale per le aree interne – Sistema di governance dell’attuazione in Valle d’Aosta.
Il documento descrive il sistema di governance dell’attuazione, in Valle d’Aosta, della Strategia nazionale per le aree interne, la cui peculiarità consiste nella compresenza di interventi cofinanziati da risorse di origine differente (risorse statali, per i Progetti relativi agli ambiti dell’istruzione, della sanità e della mobilità; risorse dei Programmi FESR, FSE, FEASR, per i Progetti relativi allo sviluppo locale).
La finalità dell’atto è di rendere disponibile, ai vari soggetti coinvolti, a livello regionale e locale, nell’attuazione delle due Strategie per le aree interne (Bassa Valle e Grand-Paradis), un documento, sintetico e di facile consultazione, che – a integrazione di quanto contenuto nel testo dell’Accordo di programma quadro di ciascuna Strategia – riassuma il quadro complessivo di riferimento e orienti i diversi soggetti, a seconda del ruolo ricoperto, rispetto agli adempimenti richiesti.

AMBIENTE, RISORSE NATURALI E CORPO FORESTALE
La Giunta regionale, ai sensi dell’art. 14-ter, comma 7 della legge 7 agosto 1990, n. 241, ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza interna ed esterna delle gallerie Fenilliaz 6 e 7 della miniera di Chamousira, previsti nell’ambito del progetto Mi.Mo. finanziato dal Programma di Cooperazione territoriale transfrontaliera Italia-Francia Alcotra 2014/20 (FESR). Il Comune di Brusson è stato quindi autorizzato alla realizzazione degli interventi.
L’Esecutivo ha approvato l’autorizzazione unica condizionata alla società Energie Rete Gas s.p.a. di Milano per la realizzazione, l'esercizio, la dichiarazione di pubblica utilità, l’apposizione del vincolo preordinato all'esproprio e l’approvazione del progetto per la costruzione del metanodotto della Valle di Ayas. Il progetto consiste nell' infrastrutturazione per il trasporto del gas metano di una porzione del territorio regionale, attualmente non servito, mediante la posa di una dorsale di condotte da Verrès ad Ayas, con la realizzazione di una cabina di primo salto a Verrès. Il progetto, inoltre, risulta coerente con gli obiettivi del Piano aria, che incentivano forme di riscaldamento a basse emissioni, quali il metano, rispetto a quelle legate alle biomasse (legna e pellet) che sono fonti di maggiori emissioni inquinanti.
Nello specifico il metanodotto che si propone di servire la Valle di Ayas è il terzo metanodotto regionale che viene autorizzato, dopo quello della Valtournenche e quello a servizio dell'Alta Valle, con diramazioni per La Thuile e per Pila.

FINANZE, ATTIVITA' PRODUTTIVE E ARTIGIANATO
La Giunta regionale, su proposta dell’Assessore regionale alle Finanze, Attività produttive e Artigianato di concerto con l’Assessore agli Affari europei, Politiche del lavoro, Inclusione sociale e Trasporti, ha approvato il secondo Bando in attuazione della legge regionale 8/2016 (Disposizioni in materia di promozione degli investimenti), concernente l’insediamento e lo sviluppo delle imprese e la convenzione con Finaosta per lo svolgimento delle funzioni attuative.
Il bando ha per finalità la promozione di Accordi per l’insediamento, lo sviluppo e il sostegno dei Programmi di investimento delle imprese che rispondano a obiettivi di interesse regionale, di elevato valore strategico, tali da accrescere la capacità competitiva delle filiere e del sistema produttivo regionale e la loro capacità innovativa, di produrre significativi effetti occupazionali diretti e indiretti, a livello quantitativo e qualitativo, nonché positive ricadute sul territorio in termini di impatto economico e di sostenibilità ambientale e sociale.
Il bando prevede, infatti, la concessione di agevolazioni riconducibili alle diverse categorie di aiuto: aiuti a favore della ricerca e sviluppo, agli investimenti, per la tutela dell’ambiente, per interventi finalizzati all’efficienza energetica, alla cogenerazione ad alto rendimento e alla produzione di energia da fonti rinnovabili, aiuti alla formazione, all’assunzione e all’occupazione di lavoratori svantaggiati, molto svantaggiati o con disabilità.
I contenuti degli Accordi saranno definiti di concerto e in collaborazione con le strutture regionali competenti per materia ovvero la Struttura Ricerca, innovazione, internazionalizzazione e qualità, la Struttura Attività produttive e cooperazione, la Struttura Risparmio energetico, sviluppo fonti rinnovabili e mobilità sostenibile, la Struttura Politiche della formazione e dell’occupazione, la Struttura servizi per l’impiego, con Finaosta S.p.A. e, eventualmente, con Struttura Valle d’Aosta S.r.l., qualora il Programma di investimento preveda interventi infrastrutturali sul patrimonio della Società.
Il bando, per il biennio 2019/2021, prevede un impegno di spesa per 23 milioni 500 mila euro.

ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ, RICERCA E POLITICHE GIOVANILI
La Giunta regionale ha approvato il piano di interventi della Regione autonoma Valle d’Aosta per la messa in sicurezza di palestre scolastiche di proprietà regionale. Il piano sarà ora presentato al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca per ottenere il finanziamento, sulla base dell’avviso pubblicato il 12 dicembre scorso che prevede un finanziamento concesso alla Valle d’Aosta pari a 267 mila 484 euro. La somma sarà destinata alla messa in sicurezza di tre palestre regionali, appartenenti ai plessi scolastici Istituzione scolastica di Istruzione liceale, tecnica e professionale, Istituzione scolastica Liceo scientifico e linguistico Bérard e Istituzione scolastica di istruzione tecnica.
L’Esecutivo ha approvato la costituzione di un gruppo di lavoro incaricato di predisporre la bozza del nuovo regolamento di contabilità delle istituzioni scolastiche. Dal 1° gennaio 2019, infatti, entrerà in vigore il decreto interministeriale 28 agosto 2018, n. 129, Regolamento recante istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell’articolo 1, comma 143, della legge 13 luglio 2015, n. 107. Per adeguare il regolamento regionale attualmente in vigore, approvato il 4 dicembre 2001, alla luce delle novità introdotte dal decreto interministeriale di cui sopra, la Giunta regionale ha pertanto individuato un gruppo di lavoro così composto:
• un referente del Dipartimento Sovraintendenza agli studi;
• un referente del Dipartimento legislativo e aiuti di Stato;
• due capi dei servizi di segreteria delle istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione;
• due capi dei servizi di segreteria delle istituzioni scolastiche del secondo ciclo di istruzione;
• due revisori dei conti delle istituzioni scolastiche.
Per la partecipazione al gruppo di lavoro i componenti non percepiranno alcun compenso, in quanto l’attività sarà svolta nell’ambito delle rispettive funzioni.
Il gruppo di lavoro potrà avvalersi, in relazione alle tematiche affrontate e qualora ne ravvisi la necessità, di ulteriori professionalità, sia interne sia esterne all’Amministrazione regionale e scolastica, senza alcun onere aggiuntivo.

OPERE PUBBLICHE, TERRITORIO E EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA
La Giunta regionale, alla luce delle modificazioni da introdurre, ha espresso una valutazione positiva sulla compatibilità ambientale della variante sostanziale generale, adottata dal Comune di Saint-Pierre, nel suo testo definitivo e ha approvato le modificazioni da sottoporre al parere del Comune, per l’introduzione delle medesime nella variante sostanziale generale al PRG vigente, richiedendo la predisposizione delle integrazioni atte a completare il testo della variante generale. L’Esecutivo ha stabilito che la struttura regionale competente in materia di pianificazione territoriale trasmetta al Comune di Saint-Pierre la deliberazione, unitamente all’elenco dettagliato delle modificazioni da introdurre negli elaborati della variante affinché deliberi l’accoglimento delle proposte di modificazione oppure presenti proprie controdeduzioni.
Il Governo della Regione ha approvato gli indirizzi della Regione al Consiglio di Amministrazione dell’A.R.E.R. per l’individuazione e la definizione degli interventi di edilizia residenziale pubblica da attuare nell’anno 2019. Le novità di maggior rilievo introdotte riguardano la programmazione di interventi di Housing sociale e l’avvio di un bando regionale, gestito direttamente da A.R.E.R., per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale a partire dal mese di luglio 2019.

SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI
L’Esecutivo ha approvato il mantenimento della copertura del fabbisogno di servizi residenziali per persone anziane in condizione di non autosufficienza mediante il ricorso alle strutture private accreditate presenti sul territorio. La deliberazione ha lo scopo di colmare, almeno parzialmente, la carenza di posti disponibili nelle strutture pubbliche gestite dalle Unités des Communes Valdôtaines e dal Comune di Aosta, oltreché nella struttura dell'Azienda Pubblica Servizi alla Persona Casa di riposo J.B.Festaz.
Per la quantificazione del fabbisogno la stima è stata effettuata dalla Struttura Politiche per l'inclusione e l'integrazione sociale, sulla base dell'andamento della popolazione anziana, che in sintesi sono:

I posti previsti sono gli stessi del 2018, ma anche che nel corso del 2019 andranno ridotti progressivamente:
• per i distretti 1 e 2 in concomitanza con la messa in esercizio della struttura di Morgex, per un numero di posti indicativamente pari a 10-15;
• per i distretti 3 e 4 in concomitanza con la messa in esercizio dei posti in corso di implementazione della microcomunità di Perloz e con l'entrata a regime della struttura "protetta plus" di Hòne, per un numero di posti indicativamente pari a 10-12.
La modalità prescelta per l'erogazione del servizio individuata verte sul regime dell'accreditamento, previsto con tutte le strutture private accreditate, che sono il Réfuge Père Laurent di Aosta, la Casa della Provvidenza di Chàtillon, la Piccola Casa della Divina Provvidenza - Cottolengo di Saint-Vincent e la Domus Pacis di Donnas.

TURISMO, SPORT, COMMERCIO, AGRICOLTURA E BENI CULTURALI
La Giunta regionale ha approvato il quadro di assestamento degli importi relativi agli interventi sul patrimonio di interesse culturale denominato Piano cultura, mediante ricorso all’indebitamento di cui alla legge regionale 40/2010. In particolare, questa delibera permette di razionalizzare le somme destinate alle varie attività ridefinendo l'importo destinato alle attività per alcuni siti e in particolare per il castello Sarriod de la Tour, in modo da garantire la copertura finanziaria per l'approvazione del progetto di fattibilità tecnico-economica per il lavori previsti presso il monumento.
Conseguentemente, l’Esecutivo ha approvato il quadro economico delle attività previste nell'ambito dei lavori di manutenzione e allestimento museale del castello Sarriod de la Tour di Saint-Pierre per un ammontare complessivo di 3 milioni 695 mila euro. Questa prima fase progettuale, redatta dagli uffici della Soprintendenza, definisce i contenuti e le scelte architettoniche, strutturali e impiantistiche nonché le linee museologiche che dovranno essere approfondite nelle successive fasi progettuali.
Il Governo della Regione ha quindi approvato il quadro economico generale dei lavori di restauro e valorizzazione del castello di Quart, ammontante complessivamente a 6 milioni 292 mila 845 euro. L'intervento prevede tre fonti di finanziamento per la copertura complessiva del costo:
-per euro 3 milioni 880 mila a valere sul mutuo regionale;
-per euro 1 milione 900 mila sui fondi FESR;
-per euro 512 mila 845 su fondi di bilancio.
L’approvazione della progettazione definitiva costituisce la tappa obbligatoria per procedere con l'emissione del Decreto del Presidente che sostituirà a tutti gli effetti la concessione edilizia e equivarrà a dichiarazione di pubblica utilità, urgenza e indifferibilità dell'opera mediante apposizione del vincolo preordinato all'esproprio, consentendo di procedere con l'ultima fase progettuale per la realizzazione dell'opera.

STELLA ALPINA

Movimento politico, autonomista e federalista, la "Stella Alpina" ha per finalità la tutela e il rafforzamento dell’Autonomia speciale valdostana, nel contesto di uno Stato Italiano unitario e federale, nella prospettiva di una vera Europa dei popoli.

AGENDA

MARZO

Martedì 19
ore 9.00 - Consiglio regionale

Mercoledì 20
ore 9.00 - Consiglio regionale

Giovedì 21
ore 9.00 - Consiglio regionale

 

 

 

 

 



 

Adesioni alla Stella Alpina

L'adesione alla "Stella Alpina" avviene con una sottoscrizione di impegno a rispettare i contenuti dello Statuto.

Le domande di prima adesione devono essere presentate alla Sezione del Comune di residenza o di domicilio oppure presso la sede del Movimento - Via Monte Pasubio, 40 - Aosta.

Leggi tutto

Newsletter

CONTATTI

Movimento Politico Stella Alpina

  • Via Monte Pasubio, 40 11100 Aosta
  • Tel: 0165 32200
  • Fax: 0165 32200
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sei qui: Home News regionali I principali provvedimenti della Giunta regionale - 21 dicembre 2018

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo