News regionali

Sei qui: Homepage News regionali

Lavoro: Marquis, Impresa in azione ha raddoppiato numeri

Undici team in gara, assegnati due primi posti ex aequo

"Il progetto, per il quinto anno in Valle d'Aosta, ha più che raddoppiato i numeri delle edizioni precedenti, confermando un crescente interesse dei giovani verso i temi dell'imprenditorialità, del lavoro e dell'innovazione, e riscontrando una buona qualità dei progetti e delle idee proposte con un elevato contenuto tecnologico". Così l'assessore regionale alle attività produttive, energia e politiche del lavoro, Pierluigi Marquis, ha commentato l'edizione 2015 di Impresa in Azione.

A partecipare sono state sei Istituzioni scolastiche (11 classi per un totale di circa 220 studenti). L'iniziativa, gratuita per le scuole, è stata finanziata dal Por Competitività regionale 2007/13. La Commissione di valutazione, composta da esperti in valutazione di progetti di impresa, avvio di start-up innovative, aspetti finanziari, incubazione di impresa, innovazione e nuove tecnologie, ha analizzato preventivamente la documentazione dei progetti in gara, ha assegnato due primi posti ex aequo (premio di 450 euro messi a disposizione da Unicredit) e un terzo posto (premio di 300 euro messi a disposizione da Unicredit).

Frane: Baccega, 'Per Val Ferret verifica tecnica, poi progetto chiaro e definito'

“Prima di realizzare un by-pass antifrana sulla Dora della Val Ferret, dobbiamo completare la verifica specifica sullo stato attuale delle frane nella zona. Questo per evitare la costruzione di un'opera inutile”. Lo ha detto l'assessore regionale alle Opere pubbliche, Mauro Baccega, in relazione al proseguimento dei lavori nell'area della Valdigne coinvolta dalla frana del Mont de la Saxe.

L'assessore sottolinea che “entro pochi giorni, credo prima della fine di maggio, il professor Giovanbattista Crosta dell’Università Bicocca di Milano, l’ingegnere Paolo Cancelli di Milano e il dottor Andrea Tamburini di Imageo di Torino consegneranno le risultanze della loro ricerca sui nuovi scenari di evoluzione del sistema franoso in Val Ferret. Da questo documento potremo ripartire con un progetto chiaro e definito”. Le informazioni relative agli scenari di evoluzione “sono infatti fondamentali - afferma Baccega - per definire da un lato le eventuali integrazioni al sistema di monitoraggio e di protezione civile della frana e dall’altro le priorità e le caratteristiche degli interventi ancora necessari”.

L'assessore conferma la propria disponibilità a presentare alla Commissione consiliare competente lo stato dei lavori al vallo di La Saxe. “Perché tale incontro sia proficuo – dice Baccega - chiedo di poter relazionare verso la metà di giugno: in considerazione proprio dello stato delle attività e delle valutazioni che sono al momento ancora in corso, solo in questa data potremo avere tutti gli approfondimenti necessari a dare risposte adeguate”.

Nel testo del Ddl sulla riforma della scuola, è stato inserito, su proposta dell'On. Marguerettaz, un articolo aggiuntivo a salvaguardia delle Regioni e Province autonome.

Nel testo del Ddl sulla riforma della scuola, approvato oggi dalla Camera, è stato inserito, su proposta dell'On. Marguerettaz, un articolo aggiuntivo a salvaguardia delle Regioni e Province autonome. Il nuovo articolo 27 subordina l'applicazione delle disposizioni del Disegno di legge alla compatibilità con le norme statutarie e le relative norme di attuazione.

Il Deputato ha così commentato l'accoglimento della sua proposta emendativa: "Con l'approvazione di questo articolo si è chiarito che la Regione, oltre che sulle determinazioni per le assunzioni del personale docente - come già previsto dall'art. 8 del Ddl - potrà intervenire con norme di attuazione e di integrazione in materia di scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo livello, così come previsto dal nostro Statuto speciale. Questo passaggio fondamentale offre maggiori garanzie per la tutela del sistema scolastico valdostano, anche a fronte della riforma voluta dal Governo Renzi".

Piano giovani, la Valle d'Aosta perde 4 milioni di euro

Il Governo, con l'ultima Legge di stabilità, ha ridotto di 3,5 miliardi il Piano di azione e coesione per finanziare una misura nazionale di incentivazione alle assunzioni.

La Valle d'Aosta dovrà fare a meno di 4 milioni di euro di risorse sul Piano Giovani. E' quanto è emerso durante l'ultimo consiglio delle politiche del lavoro. "Lo Stato nell'ambito della Legge di Stabilità, dopo aver monitorato la programmazione e la spesa delle regioni, dei fondi del piano di azione coesione nazionale - spiega l'Assessore regionale alle Attività produttive, Pierluigi Marquis - ha sottratto loro complessivamente 3,5 miliardi di euro, di cui 4 milioni alla Valle d'Aosta".

Il Piano giovani era stato varato a fine 2012 dalla Giunta regionale con l'obiettivo di costruire delle risposte adeguate alle nuove esigenze emerse dal contesto socioeconomico e facilitare l'inserimento nel mondo del lavoro dei giovani tra i 15 ed i 29 anni, favorendone l'occupazione stabile e di qualità. Le risorse complessivamente a disposizione sul triennio 2013-2015 ammontavano a 16 milioni di euro.

"Non c'è stata nessuna possibililità di negoziazione con il Ministero - spiega ancora Marquis - ora andremo a rivedere le iniziative che potranno essere cofinanziate nel Programma occupazione 2014-2020"

di Silvia Savoye

Riforme: Regioni autonome a Cagliari rilanciano specialità

Al via coordinamento presidenti assemblee legislative 
Passa da Cagliari il rilancio della specialità delle Regione autonome che puntano a fare fronte comune per avere voce in capitolo nel processo delle riforme costituzionali. Su iniziativa del numero uno del Consiglio regionale della Sardegna, Gianfranco Ganau, sono riuniti oggi nel capoluogo sardo i presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni a Statuto speciale e delle Province autonome.

All'iniziativa, che segue l'audizione presso la Commissione parlamentare per le questioni regionali nell'ambito di un'indagine conoscitiva sull'applicazione e l'aggiornamento degli Statuti, prendono parte per la Conferenza delle Regioni speciali Nicola Pietrangelo (direttore) e Sabina Caralli (servizio giuridico-legislativo), per la Sicilia Girolamo Fazio (presidente Gruppo misto), per la Valle d'Aosta Marco Vierin (presidente Consiglio), per il Trentino Alto Adige Chiara Avanzo (presidente Consiglio), per il Friuli Venezia Giulia Franco Iacop (presidente Consiglio) e Augusto Viola (segretario generale), per la Provincia autonoma di Trento Bruno Dorigatti (presidente Consiglio) e Giorgia Loss (dirigente servizio organi collegiali), per la Provincia autonoma di Bolzano Roberto Rizzo (vicepresidente). (ANSA).

La Giunta approva il Piano regionale dei lavori pubblici. Nel 2015 interventi per 88 milioni di euro

L’Assessore alle Opere pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica, Mauro Baccega, comunica che oggi, venerdì 15 maggio 2015, la Giunta regionale ha approvato il Piano Regionale Operativo dei lavori pubblici per il 2015.

«Il Piano Operativo 2015 - spiega l’Assessore Mauro Baccega – che è stato predisposto sulla base del Programma regionale di previsione dei lavori pubblici per il triennio 2015/2017, e approvato dal Consiglio regionale l’8 aprile 2015, contiene 184 interventi per un ammontare complessivo di investimenti pari a 88 milioni di euro, di cui 19 milioni di euro a valere sul mutuo presso la Finaosta».”

«Gli interventi inseriti nel Piano Operativo - prosegue l’Assessore Mauro Baccega - sono stati individuati valutando la loro immediata cantierabilità o, comunque, la possibilità di avviarne le procedure di appalto entro l’anno corrente. Al fine di dare una risposta positiva alle richieste avanzate dalle imprese del settore edilizio per uscire dalla crisi economica attuale si è puntato molto su interventi che garantiscano la realizzazione di lavori di piccola e media entità e di importi contenuti. In questa direzione vanno, in particolare, i 35 contenitori generici appositamente previsti per gestire, in funzione delle necessità, i singoli lavori di manutenzione straordinaria da attuare nel corso del 2015».

«Uno di questi contenitori - conclude l’Assessore Baccega - è rappresentato dal Piano straordinario per interventi di piccola e media entità da effettuare in economia, nei settori opere stradali, viabilità, manutenzione stabili, opere edili e sistemazioni montane, per un importo complessivo pari a 3 milioni 200 mila di euro».

Respinto il ricorso degli Ordini degli Ingegneri e Architetti contro il Bando per la nuova scuola di regionale Tzamberlet ad Aosta

L’Assessore alle Opere pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica, Mauro Baccega, comunica che ieri, giovedì 14 maggio 2015, il TAR della Valle d'Aosta ha discusso il ricorso proposto dagli Ordini Professionali degli Architetti e degli Ingegneri di Valle d'Aosta e Piemonte, con l'intervento dei relativi Consigli Nazionali, contro il bando e il disciplinare di gara per la progettazione e l'esecuzione di un complesso scolastico in reg. Tzamberlet del Comune di Aosta.

«Il TAR - dichiara l’Assessore Mauro Baccega - ha ritenuto il ricorso inammissibile. La Regione, rappresentata dagli avvocati Riccardo Jans e Francesco Pastorino dell'Avvocatura regionale aveva eccepito la carenza di legittimazione degli ordini professionali ad impugnare gli atti di gara».”

«Con questa sentenza” - prosegue l’Assessore -“si chiude una spiacevole vicenda che rischiava di danneggiare non solo le imprese e i progettisti che hanno partecipato al bando di gara, ma anche tutta la collettività valdostana in quanto un allungamento dei tempi per una causa amministrativa rischiava di far perdere il finanziamento statale che la Valle d’Aosta ha ottenuto per questo intervento».”.

«Adesso- conclude l’Assessore Mauro Baccega -le procedure di gara, che non abbiamo mai interrotto, potranno proseguire nel rispetto del cronoprogramma al fine di rispettare le tempistiche imposte dallo Stato per ottenere il finanziamento, che è pari a 8 milioni di euro».

La scuola polmone di Regione Tzamberlet sarà realizzata con una struttura prefabbricata in legno che fornirà grandi vantaggi sia dal punto di vista della tempistica di esecuzione che di prestazioni energetiche e sarà composta da 51 aule, 9 aule speciali e 6 laboratori, per una capienza di circa 1300 studenti, corrispondenti a due Istituzioni scolastiche.

70 voti separano Paolo Lavy da Alessia Favre. St Pierre premia Uv e Edelweiss

Saint - Pierre - Una manciata di voti che porta la lista Uv, Stella Alpina ad un 52,46% (746 voti totali) contro il 47,54% (676 voti totali) della lista civica “Impegno e partecipazione” e sostenuta dall’Uvp.

Sono 70 i voti che separano la lista guidata da Paolo Lavy da quella capeggiata da Alessia Favre a Saint-Pierre. Una manciata di voti che porta la lista Uv, Stella Alpina ad un 52,46% (746 voti totali) contro il 47,54% (676 voti totali) della lista civica “Impegno e partecipazione” e sostenuta dall’Uvp che schierava il presidente regionale del leone dorato.

“Sono molto soddisfatto - sottolinea Paolo Lavy - il margine è stato esiguo, ma credo sia stata premiata tutta la squadra. Spero nella collaborazione con la minoranza, perché in un paese grande come Saint-Pierre 70 voti di scarto fanno ridere. Sono fiducioso perché la campagna elettorale è stata molto corretta”. “Da subito - conclude Lavy - lavoreremo sulle manutenzioni che sono diventate ormai un’emergenza e prenderemo in mano la questione del campo sportivo”.

di Domenico Albiero

Sorpresa a Sarre dove passa la lista di Massimo Pepellin

Si ferma al 44,7% la lista sostenuta da Uv PD che candidava Ugo Curtaz e Nelly Celesia. Passa invece con il 55,3% la lista “Insieme per Sarre” che candidava Massimo Pepellin e Roberto Cunéaz con il sostegno di Stella Alpina, Alpe e Uvp.

Una delle sorprese di queste elezioni amministrative sta senz’altro a Sarre che dopo essere stato lungamente in mano unionista oggi lascia la mano. Si ferma al 44,7% (1127 voti totali) la lista sostenuta da Uv e Partito Democratico che candidava Ugo Curtaz e Nelly Celesia. Passa invece con il 55,3 % (1395 voti totali) la lista “Insieme per Sarre” che candidava Massimo Pepellin e Roberto Cunéaz con il sostegno di Stella Alpina, Alpe e Uvp.

“E’ indubbiamente una grande soddisfazione - dichiara Pepellin - e speriamo di essere all’altezza della responsabilità che gli elettori ci hanno affidato”. “Il primo tema su cui vogliamo intervenire - conclude Pepellin - è la questione della chiusura del campo sportivo che vogliamo restituire alla comunità”.

di Domenico Albiero

A Charvensod Ronny Borbey conquista il Municipio col 58%

La lista civica “Per Charvensod” capitanata da Lorenzo Marcoz e Silvano Bianquin si ferma al 42,9% (563 voti totali). Il nuovo primo cittadino: “Subito al lavoro per il progetto di costruzione della scuola”.

“Abbiamo fatto una campagna spiegando il nostro progetto e siamo contenti che questo sia stato capito. Ora si inizia a lavorare”. E’ questo il primo commento di Ronny Borbey nuovo sindaco in quota Stella Alpina per il comune di Charvensod. La sua lista “Insieme per Charvensod” ha ottenuto il 57,7% (749 voti totali) contro il 42,9% (563 voti totali) della lista civica “Per Charvensod” capitanata da Lorenzo Marcoz e Silvano Bianquin.

“Inizieremo a lavorare subito al progetto per la costruzione della scuola del capoluogo che è uno dei nostri capisaldi programmatici. E poi le manutenzioni ordinarie cercando di reperire il più possibile fondi, mantenendo quanto abbiamo e cercando di portare qualche elemento di novità” conclude Borbey

STELLA ALPINA

Movimento politico, autonomista e federalista, la "Stella Alpina" ha per finalità la tutela e il rafforzamento dell’Autonomia speciale valdostana, nel contesto di uno Stato Italiano unitario e federale, nella prospettiva di una vera Europa dei popoli.

AGENDA

NOVEMBRE

mercoledi' 22
ore 9.00 - consiglio regionale
ore 9.00 - consiglio comunale

giovedi' 23
ore 9.00 - consiglio regionale
ore 9.00 - consiglio comunale

Adesioni alla Stella Alpina

L'adesione alla "Stella Alpina" avviene con una sottoscrizione di impegno a rispettare i contenuti dello Statuto.

Le domande di prima adesione devono essere presentate alla Sezione del Comune di residenza o di domicilio oppure presso la sede del Movimento - Via Monte Pasubio, 40 - Aosta.

Leggi tutto

Newsletter

CONTATTI

Movimento Politico Stella Alpina

  • Via Monte Pasubio, 40 11100 Aosta
  • Tel: 0165 32200
  • Fax: 0165 32200
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il deputato On. Rudi Marguerettaz riceve presso la sede della Stella Alpina su appuntamento

Sei qui: Home News regionali

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo