News

PER LA VALLE D'AOSTA

1) SALVAGUARDIA DELL’AUTONOMIA E SOVRANITA’ - Attuazione del modello federalista con inserimento di una clausola di salvaguardia per la modifica dello Statuto speciale a difesa dell’autonomia. Rafforzamento e ammodernamento del concetto di autonomia responsabile, finalizzata alla crescita e allo sviluppo più che all’assistenza, con nuove opportunità per tutti. In particolare sarà importante migliorare il rapporto con il Governo regionale e con il suo Presidente, rafforzare il rapporto con il Consiglio regionale, con la Commissione paritetica, nonché con i Comuni valdostani e le loro associazioni.

Intervento sull’attribuzione delle competenze alla nostra autonomia e sull’applicazione concreta delle norme di attuazione, dalla fiscalità al catasto, alla riscossione diretta dei tributi. Particolare attenzione verrà data alle acque valdostane e in particolare alla tutela delle concessioni oggi attribuite a CVA. Promozione della semplificazione e dello snellimento della pubblica amministrazione statale. Si dovrà operare per la certezza delle risorse finanziarie che sono alla base per garantire la nostra capacità di autogoverno, che deve poter operare sul medio termine e non vivere alla giornata.

 

2) MIGLIORAMENTO DEI RAPPORTI ISTITUZIONALI - Rafforzamento dei rapporti con Roma, con l’Europa, con le altre autonomie e con i parlamentari che rappresentano realtà affini a quella della Valle d’Aosta, anche negli intergruppi parlamentari per la montagna. Miglioramento del collegamento con gli Uffici di Roma e di Bruxelles, con una maggiore capacità di relazione per sostenere in modo efficiente e duraturo i rapporti tecnici e politici con lo Stato, l’Europa, le altre autonomie, in particolare quelle speciali. Costruzione di relazioni più strette e sinergiche con i popoli e i territori alpini, per un’azione politica comune di valorizzazione e difesa delle peculiarità e del patrimonio, di risposta ai bisogni della popolazione, per una maggiore competitività e forza dei nostri paesi.

3) IN DIFESA E PER LO SVILUPPO DELLA NOSTRA AGRICOLTURA - Ottenimento, come già avviene in Trentino, della titolarità regionale della gestione diretta dei pagamenti in agricoltura, per superare le croniche difficoltà di AGEA che ha un’impostazione che non risponde alle specificità del nostro territorio e del nostro modello agricolo, immediata delega operativa alla Valle d’Aosta per i problemi più urgenti dei pagamenti.

Tutela dei nostri prodotti locali sul piano globale e contro le falsificazioni che minano la sopravvivenza e lo sviluppo delle piccole aziende oltre che a disorientare i consumatori. Promozione di nuovi mercati di sbocco per i prodotti valdostani, intervenendo sul piano europeo e nazionale. Nelle politiche del lavoro e fiscali per l’agricoltura, vigilanza e tutela delle specificità normative, anche prevedendo nuove norme statutarie.

4) CREAZIONE DI LAVORO E NUOVA FISCALITA' - Azione concreta affinché le politiche del lavoro e fiscali prendano in considerazione la nostra dimensione di montagna e di piccoli numeri. In particolare, occorre ridurre la fiscalità per tutti gli esercizi stagionali, per il settore ricettivo, della ristorazione e del commercio. Rappresentare le peculiarità della Valle d’Aosta nella legislazione nazionale per favorire lo sviluppo economico, per gestire la transizione alla nuova rivoluzione digitale, di salvaguardia del paesaggio e dell’ambiente anche dinanzi ai cambiamenti climatici.

Sostegno di politiche del lavoro di ampio respiro, senza assistenzialismi però capaci di creare occupazione stabile e nuove prospettive, che sostengano e incentivino lo sviluppo di capacità e di spirito imprenditoriale, delle competenze tecniche, dell’innovazione e delle eccellenze.

Azione per riportare l’IMU, così com’era l’ICI, interamente nella disponibilità dei Comuni, affinché si possa avere un doppio effetto positivo: maggiori risorse per i Comuni e possibilità di riduzione significativa dell’imposta alle famiglie e imprese nell’ambito della manovrabilità fiscale recentemente ottenuta.

5) ACCESSIBILITA’ ALLA NOSTRA VALLE - Rafforzamento delle iniziative, in sinergia con il governo regionale, per ammodernare la ferrovia e per ridurre le tariffe autostradali. Rafforzare il posizionamento della Valle d’Aosta nel sistema nazionale e internazionale (TEN-T) dei trasporti, dagli aeroporti all’alta velocità. Sostenere le norme e le politiche per la reale diffusione di internet ad alta velocità in tutta la Valle, che completi l’accesso per le imprese e le famiglie.

6) SVILUPPO DI POLITICHE PER LA MONTAGNA - Promozione di iniziative legislative per valorizzare la politica della montagna e dare efficacia alle norme e politiche esistenti, da EUSALP ai fondi strutturali. In particolare, per il contrasto allo spopolamento e per nuove forme di sviluppo dei territori: incentivi per nuove forme di agricoltura, sviluppo della medicina a distanza, per portare in ogni paese le migliori cure mediche, attenzione e rafforzamento della candidatura del Monte Bianco come patrimonio Unesco, utilizzo di nuove tecnologie per lo sviluppo e la qualità della vita in montagna (smart village). Introduzione di nuove risposte ai cambiamenti climatici aggiornando e diversificando l’offerta turistica, per lo sviluppo delle nostre stazioni e dei nostri centri montani.

7) PROMOZIONE DELLA FAMIGLIA E DEI GIOVANI, BENESSERE E SALUTE - Ricollocamento della natalità al centro dell’attenzione politica e promozione della famiglia attraverso idonei strumenti di equità fiscale e politiche di welfare che semplifichino l’integrazione tra attività lavorativa e quella di cura dei figli e dei cari anziani e disabili. Modernizzare la gestione della sanità e della cura delle persone, verso un nuovo welfare, per mantenere e innalzare la qualità del servizio, anche con l’impiego di nuove tecnologie e con nuove forme organizzative. Utilizzo efficace dei fondi strutturali europei per la lotta all’abbandono scolastico e formativo. Nuova formazione per il lavoro, capace di generare reali opportunità per i giovani e per le persone in ricollocamento. Collaborazione dei parlamentari con il Governo regionale e con i soggetti locali e sociali per la facilitazione e la promozione di nuove forme di lavoro nell’innovazione tecnologica e nella sharing economy.

8) INCREMENTO DELLA CULTURA E DEL SAPERE - Rafforzamento della nostra cultura quale elemento essenziale di caratterizzazione e di identità del nostro popolo; promozione del sapere nell’innovazione tecnologica quale motore per le imprese e per lo sviluppo della Valle d’Aosta del futuro digitale 4.0. Sostegno dell’internazionalizzazione della nostra Università, come polo della nostra cultura, come motore di sviluppo e del lavoro, attraverso il miglioramento delle relazioni tra le istituzioni e i soggetti interessati.

9) REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA IDEA DI SOCIETA’ CIVILE - Promozione della società civile, dei corpi intermedi e delle riflessioni, suggestioni, proposte che da essi provengono. Stimolo alla partecipazione personale e aggregata in associazioni attraverso canali di dialogo e forme di partecipazione innovative. Promozione e sostegno al Servizio Civile Universale quale forma privilegiata di Partecipazione al Bene Comune. Sostegno e azione per la realizzazione concreta della Riforma del Terzo Settore.

STELLA ALPINA

Movimento politico, autonomista e federalista, la "Stella Alpina" ha per finalità la tutela e il rafforzamento dell’Autonomia speciale valdostana, nel contesto di uno Stato Italiano unitario e federale, nella prospettiva di una vera Europa dei popoli.

AGENDA

APRILE

giovedì 12
ore 17.45 - Segreteria Sezione Aosta

venerdì 13
ore 20.30 - Coordinamento

Adesioni alla Stella Alpina

L'adesione alla "Stella Alpina" avviene con una sottoscrizione di impegno a rispettare i contenuti dello Statuto.

Le domande di prima adesione devono essere presentate alla Sezione del Comune di residenza o di domicilio oppure presso la sede del Movimento - Via Monte Pasubio, 40 - Aosta.

Leggi tutto

Newsletter

CONTATTI

Movimento Politico Stella Alpina

  • Via Monte Pasubio, 40 11100 Aosta
  • Tel: 0165 32200
  • Fax: 0165 32200
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo